TUTTI I FETICCI DEGLI ASSISTENTI DI VOLO!

By 0 No tags Permalink 0

Cosa siamo in fondo se non delle piccole sette???
Ci conosciamo, a volte ci evitiamo. Ci amiamo. Ci odiamo. Ci assomigliamo.
Sarà per la felpa di Hollister , il profumo di Abercrombie, uno shaker Herbalife, un tavolo da 6 solo per noi,  un orecchino di Tiffany, un paio di Havaianas. Palesemente vulnerabili e riconoscibili.
Marchiati in luoghi non del tutto intimi ma che solo pochi possono intravedere.
Cittadini del mondo, fa figo a dirlo, oppure semplici pedine sballotte nel globo che una sera soggiornano a Zanzibar, si posizionano a Mombasa, finiscono a Roma e finalmente riescono non del tutto incolumi a tornare nella propria base d’ origine in soli 4 giorni, 7 scali, 8 ore di trasferimenti al minimo dell’equipaggio, con 35 gradi e il 90% di umidità su di un tacco 12 in una calza 70 denari a compressione graduata!
Comodi no???

Quindi quando arriviamo a destinazione e apriamo la porta di quella stanza dove sosteremo qualche ora o giorno vorremo fosse minimamente accogliente!
Più che il cielo in una stanza mi accontento dell’igiene in una camera. C’è chi si lancia esausto sul letto senza pensare ad acari, macchie nascoste , fluidi fecondi, chi invece arriva con attrezzature professionali da GhostBusters!
Rimuove qualsiasi cosa: copriletto, tappeti, cuscini di circostanza, tende per letti a baldacchino,  qualsiasi cosa che stagioni li da un tempo sospetto.
Resa la zona sicura apriamo il nostro piccolo mondo a 4 ruote, la valigia per intenderci, con l’ essenziale da portare sempre, comunque e ovunque.

Ognuno ha la propria copertina di Linus per sentirsi a casa coccolato.

Qualche uomo è un eterno Peter Pan e piuttosto di un coniglio dal cilindro ha una play station in crew bag , una Wii in valigia, un pacco di incensi profumati da rimorchio, 4 paia di mutande e qualche maglia multi uso.

Le donne hanno piastre contro il capello crespo di Mombasa o il riccio di Mauritius, creme in borsetta per pelli prosciugate da pressurizzazione e aria condizionata.
Pastiglie, integratori, sgonfianti, drenanti, evacuanti, vaso dilatanti. Tutto ciò che possa combattere la pressione, fermare il tempo a quel lontano corso base quando si era tutti più o meno 20enni. Bollitori portatili per una tisana prima di dormire o  un break di noodles  in casi di fame estrema e improvvisa. Havaianas blu, nere, con il diamantino, il disegno colorato , il modello ricercato, la bandierina sul davanti , dietro o di lato. La borsa colorata che compriamo solo sulla spiaggia di Mombasa. Il proprio mondo digitale fatto di IPhone, Htc, Huawei , mini IPad e grandi Tabù:) tutto naturalmente accompagnato da caricatori e pile ad alta intensità! Candele profumate, contracettivi ricamati.
Medicinali per placare  fastidiose emicranie da ciclo dirompente, spray repellenti per annientare qualsiasi volatile infetta, gravida e  sanguisuga. Profilassi per virus letali ancora da scovare, carvasin per attacchi improvvisi e tanto tanto paracetamolo PERCHÈ comunque vada con lui sarà sempre un gran successo!
Comprimiamo ,  lucchettiamo e trasportiamo una vera bomba ad orologeria.14231808_10210451289426535_6965821036755957322_o

Figuratevi di arrivare a destinazione e scoprire di aver smarrito la valigia. Ditemi anche voi che sareste in grado di uccidere e che non sono io l’unica pazza che alterna stati di rabbia, depressione, rassegnazione nei soli 20 secondi dalla scoperta!

Qualche anno fa mentre ero via per una rotazione di 15 giorni e ribadisco 15, la mia valigia è finita per qualche oscuro motivo a Medina con i pellegrini musulmani  in viaggio per la Mecca. Io ero a Jeddah, non aggiungo altro! L’ estate scorsa sono atterrata ad Ibiza per fare qualche giorno di vacanza. Conoscendo il dietro le quinte il momento del ritiro bagagli è sempre un’ansia.

Ho  fissato per altri 5 minuti  il nastro oramai fermo e dopo aver affrontato i miei sbalzi d’umore sono andata al banco per denunciarne la scomparsa.

Ps: in questo caso la mia valigia non è mai scesa dall’aereo: Malpensa-Ibiza-Napoli- Ibiza.

Fortunatamente a Ibiza c’è sempre una soluzione per dimenticare:-)

 

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *