LE MALDIVE VISTE DA QUI….


Paese che vai , usanze che trovi…
Più che usanze alle Maldive ci sono piccoli omini che fluttuano per il paese su innumerevoli motorini graziella.
Perché graziella? Basta osservarli attentamente!

Ogni motociclo è fornito di cestino, come le nostre simpatiche Graziella.

Passeggiare per il paese regala la sensazione di essere catapultati in una macchina del tempo: buffi, piccoli hobbit neri dai pantaloni a zampa e camicetta stretta.
Alcuni si possono permettere ancora  lunghi capelli che scelgono di sfoggiare cotonati , come nell’ album “Anima Mia” dei Cugini di Campagna.
Per approdare sull’ isola c’è il doni, il loro barcone locale. 10 rufie, quasi 50 centesimi, lo prendete in aeroporto facendo il biglietto al gabbiotto.
Non preoccupatevi , oltre alla vocina stridula che vi dirà: “Piripiri” (il loro inglese locale), in basso, c’è una mini mano che sbuca da sotto il vetro e un uomo a tutti gli effetti!
Alcuni associano il colore della pelle a grandi doti nascoste, ma il pensiero che un omino cosi gracile dall’ altezza massima di 1.65 cm sia dotato di un arnese di riproduzione che superi l’ ottavo centimetro oltre a lasciarmi seriamente perplessa mi terrorizza anche un po’…

Professano la religione musulmana, difatti le donne girano con il velo e gli uomini, molto spesso, mano nella mano.
Noi turiste un po’ scosciate non siamo ben viste agli occhi velati di alcune signore ma molto apprezzate agli sguardi inequivocabili dei mariti, che sfiorano muri, pali e distorsioni della cervicale alla guida dei loro motocicli.

Non sempre gli equipaggi vengono spediti sull’atollo e cosi in tempi di crisi ci toccano gli alberghi in centro, la preghiera trasmessa per la città ogni 2 ore e lavori in corso infiniti , paragonabili alla nostra Salerno-Reggio Calabria. Forse è una tecnica di convincimento, ma fra il fuso e lo stress, anche noi dopo una settimana sbattiamo la testa contro il muro e iniziamo a vedere quel piccolo livido sulla fronte che simboleggia la loro incessante e rigorosa preghiera.
Se capitate anche voi in città e volete farvi un bagnetto al mare e non sull’ asfalto del centro, NON e ribadisco NON andate sull’ isola dei locali, perchè voi donne NON e sottolineo NON potete prendere il sole in costume.
Sono stata arrestata? Quasi..
Volevano rinchiudermi nella macchina della polizia e portarmi in caserma. Eravamo andati sotto consiglio di un locale che aveva omesso questo piccolo e trascurabile dettaglio.
Passeggiavo con un collega sulla spiaggia, un gruppo di bambini incelofanati dai loro abiti scuri faceva comodamente il bagno.
La loro mamma alla mia visione rimase impietrita, terrorizzata! In quell’ istante ero Satana con la una 4 coppa C che passeggiava in bikini.
Alla mia visione la mamma afferrò il bambino per proteggerlo e con la mano gli coprì il viso, lui incastrò le sue manine fra quelle della mamma creando una fessura e gustando il peccato.
La signora evidentemente non si era limitata a proteggere la prole ma aveva chiamato i soccorsi.
Fatto sta che dopo qualche minuto una volante della polizia era pronta a portarmi in caserma , ordinando, con sguardo basso, di rivestirmi, per favore🙏!
Niente spiaggia, solo cena.

La cucina si avvicina a quella indiana e thai, in poche parole: spezie, cipolle e aglio. Ho chiesto un insalata di pollo,e sì, forse c’era il pollo in quel cespuglio di cipolle ma mancava comunque quella fogliolina verde che da il nome al piatto: l’insalata!

Quindi attenti a crearvi aspettative poco piccanti e naturalmente chiedete bene, perché sicuramente il piccante è ottimo per la circolazione, l’ aglio per il cuore, la cipolla per gli effetti diuretici e disintossicanti, ma di questo passo dopo una settimana qui avrete una vita longeva ma solitaria, con rischio di emorroidi al gusto di curry!:-)

6 Comments
  • Snaporaz
    Marzo 24, 2015

    e se fossi stata in topless? cosa sarebbe successo?

    • Sara Berettoni
      Marzo 26, 2015

      Caserma ASSICURATA!

      • CSery
        Marzo 27, 2015

        fija mia, ma tu non potrai mai metterti in topless da nessuna parte! sei troppa! ce credo che è reato 😉

  • Sign Up
    Settembre 21, 2015

    Pretty! This has been an incredibly wonderful article.
    Thank you for supplying this info.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.