IL 4 DICEMBRE IO DICO NO!! ED ORA VI SPIEGO IL PERCHÈ…

PERCHÉ IO DICO NO?

Il 4 Dicembre siamo stati chiamati a votare per il tanto pubblicizzato e discusso Referendum.

Renzi il nostro attuale capo del governo ha organizzato solo nell’ultimo mese la bellezza di 77 comizi , all’ incirca 2 al giorno, per convincere gli italiani a dire SI!

Perché ho deciso di scrivere questo articolo? Perché quando affronto l’ argomento la maggior parte delle persone ancora NON SA , NON HA CAPITO o decide di votare in base al proprio partito che sostiene o meno il Referendum.

La presentazione del referendum trasmessa sulle reti nazionali elenca questi punti:

-cambiamenti sulla seconda parte della costituzione,

-diminuzione del senato

-abolizione del Cnel..

Un manifesto su Repubblica recitava cosi: “Vuoi diminuire il numero dei politici? Basta un SI!”

Secondo voi perché dovremo votare NO davanti a cosi tante belle parole? Perché quotidianamente ci imbattiamo in scontri politici, dibattimenti, comizi, tour, spettacoli di Travaglio in tutt’Italia che promuovono la scelta del NO? Siamo pazzi NOI o BUGIARDI LORO?

Scendiamo con i piedi per terra, oltrepassiamo questa distrazione di massa e spieghiamo COSA e CHI siamo chiamati a votare il 4 dicembre.

Io partirei da chi ha proposto il Referendum e ha riscritto i 47 articoli della nostra Costituzione nata il 1948 da Padri Costituenti votata a suffragio universale.

RENZI: il nostro presidente del consiglio che ci ha regalato la “buona” scuola, il jobs act e NESSUNO di noi ha mai VOTATO.

MARIA ELENA BOSCHI: avvocatessa,classe 1981, figlia del vicepresidente di Banca Etruria!

CALDEROLI: indagato a Milano per ricettazione nell’ inchiesta sulla Bdp. Scampato al processo per una legge ad personam e all’ insindacabilità regalatagli dal Senato.

Nel 2006 è stato indagato in base all’ art 404 del codice penale che riguarda l’offesa ad una concessione religiosa mediante vilipendio. Rischiava 3 anni ma il fortunello ha pagato solo una sanzione in base alla nuova riforma.

VERDINI :2010 indagato per corruzione nell’ affare del g8 alla Maddalena, per appalti illeciti e corruzione per appalti sulla ricostruzione dell’ Aquila dopo il terremoto.

2012 viene rinviato a giudizio per finanziamento illecito e truffa.

2013 viene rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta del Cred. Coop Fiorentino.

2014 indagato per bancarotta fraudolenta nell’ inchiesta della Toscana di Edizioni.

Gode del 90% di assenteismo al Senato.

Nel resto del mondo sarebbe in carcere, in Italia riscrive la Costituzione!

Non dimentichiamo nel calderone il sindaco di Salerno Vincenzo de Luca, condannato ad un anno di reclusione per abuso d’ufficio nel 2015.

Il sostenitore del governo Renzi in questi giorni è stato intercettato mentre elogiava il suo collega Franco Alfieri sindaco di Agropoli, in grado di portare alle urne 4 mila persone per il SI in cambio di qualsiasi cosa: fritture di pesce, giri in barca, yacht. Fai come pazzo vuoi tu ma non venire qui con un voto in meno di quello che hai promesso!” In cambio? De Luca diventerà commissario per la sanità in Campania.

In Italia 1 milione e centomila persone vivono di sola politica(decisamente troppi se diamo uno sguardo al resto del mondo) e per i sostenitori del SI ci sarà un taglio netto dei senatori. SBAGLIATO! diminuiranno solo per il 3%, solo 215 parlamentari con un taglio di 40 milioni annui (non 100 mila comeRenzi ha riportato sui volantini spediti agli italiani all’ estero) pari all’ acquisto di mezzo F35 , molto meno dei finanziamenti pubblici intascati dal pd nell’ ultima campagna elettorale.

I sostenitori del SI sostengono inoltre che non verrà intaccata la prima parte della costituzione.

Il 1 articolo dice che :” L’ Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La SOVRANITÀ appartiene al POPOLO che la esercita nella forma prevista e nei limiti della Costituzione”

La sovranità popolare è data dal voto (in questo caso per il Senato) che ci verrà tolto.

Si formeranno 2 Camere: 1 elettiva (dei deputati) e il Senato (eletto dai partiti).

I senatori verranno scelti fra sindaci e consiglieri. Questi beneficeranno dell’ immunità parlamentare e non avranno più l’obbligo di votare le leggi costituzionali a meno che 1/3 dei membri faccia richiesta di uguale approvazione o 5 di loro vengano scelti dal Presidente, in poche parole voteranno in base a ciò che farà più comodo ai partiti!

Il SI sostiene che l’ iter delle leggi sarà più veloce. SBAGLIATO!

La maggior parte delle leggi attuali passano attraverso 1 sola lettura fra camera e senato. Non è l’ iter ad essere lungo ma la mancanza di accordo politico che con il SI di certo NON CAMBIERÀ!

Votando SI per presentare qualsiasi proposta popolare si avrà bisogno di “sole 150 mila firme!”

La nostra Costituzione non è proprio come sosteneva Benigni “La più bella del mondo”, pensiero poi “inspiegabilmente” ritrattato con l’ uscita del referendum…

La nostra Costituzione ha dei punti che vanno revisionati ma non sempre il cambiamento è sinonimo di miglioramento!

Spero di esser stata esaustiva e aver chiarito dei dubbi qualora ce ne fossero stati.

IO IL 4 DICEMBRE VOTO NO, E TU??Screenshot_2016-06-11-14-51-31_1

 

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.