FIUMICINO ✈AEROPORTO + LOST – FOUND

L’ aereo è il mezzo più sicuro al mondo e vi sto scrivendo proprio a bordo di un volo per Roma.

Potete avere paura, soffrire d’ ansia per turbolenze inaspettate, vuoti d’ aria, decolli che vi staccano da terra e bruschi atterraggi ma oramai non potete più farne a meno!

Certo c’è chi riesumerebbe Colombo per raggiungere l’ America ma per questioni scientifiche e pratiche non è possibile o tanto meno consigliato.

Quindi se avete paura fatevi forza e coraggio perché posso assicurarvi che c’ è di peggio di una brusca e inaspettata turbolenza.

COSA?

Un connubio di ansia, angoscia, rassegnazione, rabbia e disperazione tutto in un attimo. Di cosa sto parlando? Della paura che mi assale quando tolgo la divisa e vesto i panni di  semplice passeggera, SMARRIRE IL MIO BAGAGLIO!!!!!

Non dite che sto esagerando, che non fissate il nastro bagagli e fremete nell’ afferrare la vostra valigia, che non siete mai rimasti soli come dei baccalà senza nessuno intorno e con il nastro fermo, vuoto e qualche vecchia carcassa che girava da chissà quale altro volo e avete pensato ” SONO PROPRIO UNO SFIGATO!!”

Naturalmente più si vola più la percentuale di rischio sale. Io sono un assistente di volo da 10 anni, pendolo con Roma, mio fratello vive a Brighton e molto spesso anche per lavoro mi sposto con altre compagnie aeree, tirate voi le somme della mia percentuale di sfiga con il nastro bagagli!

Solo questo anno sono stata baciata 3 volte fra cui una mini vacanza ad Ibiza, fortunatamente li di vestiti ne servono ben pochi…

Tutti gli aeroporti sono dei punti di domanda e la vera causa scatenante non si conosce mai con certezza.

Colpa del ceck-in che ha etichettato la valigia sbagliando? Degli addetti che a volte si perdono i pezzi sul piazzale senza neanche farci troppo caso? Di chi legge Tokio per Kyoto? Delle procedure aeroportuali poco semplici e confusionarie? Non sono un’ addetta allo scalo ma essendo una veterana dell’ ambito qualcosina pian piano l’ ho capita.

Prima di tutto se il vostro aeroporto  di scalo o destinazione finale è Fiumicino NON diffidate dai pregiudizi, ABBIATE PAURA, HANNO RAGIONE! In una scala da 1 a 10 questo mese li ho odiati ….DI PIU’!

Dovevo salire a Milano ma avevo un biglietto stand-by (nel senso che se il volo fosse stato pieno non avendo un biglietto confermato non sarei stata imbarcata, oppure con il consenso del Comandante potevo viaggiare sullo strapuntino)

Se sei un assistente di volo senza routine e con una valigia per casa il biglietto stand-by è la routine come la fila sul raccordo prima di arrivare al lavoro.

Dopo lunga attesa il volo è stato confermato in over booking e il Comandante per un andropausa dirompente ha deciso di rifiutarmi lo strapuntino.

In questo caso la valigia MAI imbarcata doveva tornare al nastro ed io dopo averla recuperata correre verso la fermata del treno più vicina.

Cosa poteva mai succedere ad una valigia rimasta nello stesso aeroporto e trasportata dal nastro al deposito? Nulla credevo..SBAGLIATO! A Fiumicino nulla è scontato.

Per riassumere la mia valigia è scomparsa. Dalle 21 alle 2 del mattino sono rimasta in attesa senza successo, ho perso il treno, mio padre era gia a casa e io vestita solo del mio golfino ho passato poche ore in un bed and breakfast prima di salire sul primo treno.

La valigia è stata identificata solo dopo 2 giorni e mezzo e volete sapere dov’ era finita? Sempre a Fiumicino non si è mai mossa da quel deposito ed io che pensavo si stesse divertendo giocando a nascondino con gli addetti ai bagagli, invece è rimasta sempre li sotto gli occhi di tutti!

Consigli? cercate di pendolare con un bagaglio a mano, cercate di rendere riconoscibile la vostra valigia e se passate per Fiumicino in BOCCA AL LUPO!!!Please check your feed, the data was entered incorrectly.

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.