EAT, SLEEP, FLY, REPEAT

By 0 No tags Permalink 0

Se vi domandassi “cosa avete fatto negli ultimi due giorni?”
Ognuno di voi risponderebbe in mille modi diversi.
Alcuni avranno fatto la spesa, mille commissioni, svolto attività fisiche, riordinato la casa, oziato sul divano, litigato con il proprio compagno, fatto sesso e così la pace, sgridato i propri bambini, cucinato loro una torta per farsi perdonare, lavorato 8 ORE… in poche parole la risposta alla mia domanda sarebbe: TANTO, TUTTO, TROPPO!
Se qualcuno adesso mi ponesse la stessa domanda, la mia risposta si riassumerebbe in una sola parola: VOLATO!
Sono 26 ore 55 minuti e qualche dannato secondo che indosso sempre la sempre la stessa camicia, le stesse calze, golfino , reggiseno e sono sempre nello stesso tubo, l’unica cosa diversa? LA MIA FACCIA!
Dovevamo trascorre qualche giorno all’Havana.
Avevo accuratamente preparato la mia valigia, ma in questo lavoro  fare il giro del globo senza scendere per poi tornare alla base senza neanche una fermata in autogrill può succedere! Screenshot_2015-11-03-22-49-42_1
Se la compagnia fosse un addetto Bla Bla Car avrebbe sicuramente pessime recensioni.
Nella mia valigia c’era qualche costume per non perdere la tintarella, delle scarpe comode per rivisitare tutte le viuzze del centro e correre sul Miramar, un vestitino per fare quattro salti in discoteca , pastiglie di melatonina per non accusare il fuso, ma ahimè, ancora seduta, sto scrivendo al pc con piaghe da decubito che accarezzano il mio fondo schiena, oramai troppo in alto per gustare un Mojito alla Bodeguita del Medio.
Tutto questo prende il nome di “Giro Macchina”, ma io amo chiamarlo “Giro della Morte“. Il senso? Salire in aereo per operare un volo, sbarcare i passeggeri arrivati a destinazione, non scendere se non per prendere una boccata d’aria, e all’Havana si parla del 99,9% di umidità e l’1% di aria respirabile , per poi tornare indietro da passeggeri😱

IMG_20150313_232030
Alcuni di noi ” volatili” quando vedono questo turno pensano alle maggiorazioni in busta paga, prendono carta e penna, contratto in mano e si fanno due conti.
Altri come me anticipano la chiamata dall’ osteopata per il giorno successivo, trattamenti al viso antiage e pressoterapia.
Lo scopo di affrontare questo viaggio della speranza è cercare in tutti i modi di cadere in catalessi, in fase Rem, un sonno profondo, di quelli che ti stordisce , che ti lascia quella bavetta laterale alla bocca, che ti fa dire al risveglio: DOVE SONO, CHE ORE SONO, MA CHE GIORNO è OGGI???Screenshot_2015-11-03-22-31-25_1
C’è chi mangia fino a non avere spazio per crollare nel pieno della digestione, chi sotto sotto accompagna la carne con qualche bicchierino di VINO, e chi si spara un sonnifero e raggiunge il nirvana.
Fortunatamente l’ annuncio della discesa è arrivato, la temperatura a Malpensa sfiora 1 grado.
Truccarsi è un caso perso, la pelle rigetta qualsiasi cosa che non sia acqua.

Specchi? evitateli!
Bilance? bruciatele!
Le scarpe calzano con difficoltà e la gonna non cade più cosi bene? dettagli di pressurizzazione.
L’ unica cosa da fare è tornare a casa , fare una lunga, lunghissima doccia e iniziare a fare tutte quelle cose che i terresti hanno fatto nelle ultime 48 ore, salterei l’ animata discussione e passerei subito alla pace😉

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.